Maggio, nel mese mariano consacriamoci alla Madonna come Padre Pio

Annunci

Padre Pio e Fatima: due poderosi interventi divini nel XX secolo

Gli interventi della Vergine Santissima a Fatima e lo straordinario ministero sacerdotale di San Pio da Pietrelcina possono essere considerati come due tra i più grandi “doni del Cielo” nel secolo XX, volti a illuminare e riaffermare aspetti della Fede e della vita cristiana essenziali ma da molti trascurati.

Continua a leggere “Padre Pio e Fatima: due poderosi interventi divini nel XX secolo”

L’Immacolata e la missione di Padre Pio

«Ah, se non ci fosse Lei che mi sostiene nei combattimenti, nelle tentazioni, nelle prove!».

Continua a leggere “L’Immacolata e la missione di Padre Pio”

Il declino. In attesa di “sorella morte”

di Gennaro Preziuso, da “Padre Pio, l’apostolo del confessionale” (Ed. San Paolo, 1998).

Continua a leggere “Il declino. In attesa di “sorella morte””

Padre Pio e sant’Antonio… in una foresta!

Padre Pio doveva essere molto devoto di sant’Antonio, se chiese al padre spirituale, padre Benedetto, di digiunare in suo onore una volta al mese, dopo aver ottenuto una grazia attraverso la sua intercessione. Ma un singolare episodio, che ci è stato riferito, mette in luce come il Santo di Padova operava insieme a Padre Pio nel beneficare le anime.

Continua a leggere “Padre Pio e sant’Antonio… in una foresta!”

Una novena per 45 anni

Per non aver paura della morte, bisogna saper ben vivere. In questa maniera, in ogni momento possiamo andare incontro al Signore. Padre Pio non faceva altro che invocare la morte. Quando gli domandavamo: «Padre, cosa posso fare per lei?». Risposta immediata: «Figlio mio, prega perché il Signore mi faccia morire, mi chiami a sé!». Quanta differenza tra noi e lui! 

Parlavamo un giorno del Santuario di Pompei e della Madonna del Rosario di Pompei. «Anch’io sono devoto della Madonna di Pompei – disse il Padre –, da bambino e da soldato ci sono anche stato». Pompei, infatti, è uno dei pochissimi Santuari visitati da Padre Pio. «Ho recitato anch’io la novena alla Madonna di Pompei, per chiedere una grazia, e l’ho fatta per 45 anni. Poi ho visto che la grazia non arrivava, ho chiuso il libretto e non l’ho fatta più!». 

Io fui colpito da quel numero: 45 anni di supplica, fatta da un Santo, senza ottenere nulla! Glielo feci notare: «Padre spirituale, lei ha recitato ogni giorno per 45 anni la novena alla Madonna senza ottenere la grazia! Io non comincio neppure: e quanti secoli ci vorrebbero per me, senza essere sicuri che la grazia arrivi?». Siccome avevo confidenza col Padre, mi permisi di chiedergli: «Padre spirituale, ma di che grazia si trattava?». «Chiedevo alla Madonna che mi avesse fatto morire! Che mi chiamasse a sé, perché non ce la faccio più a stare su questa terra», disse il Padre. Ed io: «Chiedeva di morire… e sono novene che si fanno queste? Bisogna chiedere la salute per stare bene e servire il Signore». Aggiunsi: «La Madonna, la grazia non l’ha fatta a lei, ma l’ha fatta a noi. Se fosse morto tanti anni fa, noi non staremmo qui stasera! Ora devo fare io la novena di ringraziamento». Il Padre sorrise. La Madonna gli negò la grazia, ma lo aiutò a vivere. E quanti sono stati i beneficati? Giovanni Paolo II disse che il numero di coloro che sono stati aiutati da Padre Pio lo conosceremo solo in Cielo. Certamente tra questi ci siamo anche noi.

[Padre Eusebio Notte, Padre Pio e Padre Eusebio. Briciole di storia, pp. 227-228]