Padre Pio e la virtù della giustizia

Padre Pio esercitò, come tutti i santi, eroicamente la virtù della giustizia.

Una testimonianza da leggere con attenzione ce la offre Rita Tortora, una figlia spirituale di padre Pio.

«Essendo angustiata per il trattamento che subivo io e la mia figlioletta da parte di estranei, il Padre mi disse: “Figlia mia, sappi che il Signore è immensamente misericordioso, ma tremendamente giusto”».

Padre Pio, dunque, in occasione di questo caso particolare, apre ad una considerazione di ordine generale che ci fa capire quanto Dio ci tenga a che i nostri rapporti con il prossimo siano improntati a rigorosa giustizia.

La stessa Rita Tortora racconta: «Una volta io e mia sorella dovemmo sostenere una causa contro un tizio che voleva appropriarsi di un terreno di nostra proprietà. Padre Pio ci incoraggiò e disse: “Fate valere i vostri diritti”».

I confratelli, che sono stati con lui, assicurano che questa era la posizione abituale, costante, che il Padre assumeva di fronte una situazione di sopruso.

Osserva padre Onorato Marcucci: «Espressioni che erano sulla sua bocca, quando gli presentavano situazioni di sofferenza, per chiare ingiustizie subite, erano queste: “Difendete i vostri diritti”. Oppure: “Fatevi fare giustizia”».

Naturalmente il Santo, nel consigliare di far valere i propri diritti, voleva che tutto fosse fatto nei termini di correttezza. P. Anacleto Miscio asserisce: «Ho sentito dalla bocca di padre Pio: “Ti hanno rubato? Denunciali. Hanno rubato agli altri? Pensa ai fatti tuoi”. Egli univa giustizia, carità e prudenza». Aggiunge padre Anacleto: «Per questo suo modo di parlare schietto, faceva molta impressione anche a persone altolocate, abituate ai compromessi».

Una particolare sottolineatura. Padre Pio non defletteva dalla sua linea, anche se, nel consigliare qualcuno di far valere i propri diritti, poteva essere coinvolta qualcosa che lo riguardasse. Racconta Anna Benvenuto: «Ci fu una questione di diritto di proprietà tra la signorina Benvenuto-Cianferoni e Casa Sollievo della Sofferenza. Io, amica della famiglia Benvenuto, andai da padre Pio a riferire la cosa. Il Padre disse: “Io non posso fare niente; aiutala tu”. Egli, pur essendo il responsabile unico, non si intrometteva nella direzione dell’ospedale. Espresse però la sua opinione: “Sono d’accordo con te che la Cianferoni, vada da un avvocato”».

La stessa Anna Benvenuto attesta ancora: «Proprio padre Pio mi ha spinto ad adire in tribunale contro Casa Sollievo della Sofferenza per lo sfratto che io e mio marito avevamo ricevuto dall’amministrazione. In verità per rispetto a lui io volevo andare via spontaneamente; ma padre Pio disse: “Se te ne vai, sei una vigliacca”».

Il Padre nella sua vita è stato sempre splendidamente lineare.

Tratto da: “Padre Pio, profilo di un santo”, di P. Marcellino IasenzaNiro,  pp. 357-358.

(Fonte: Il Settimanale di Padre Pio)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...