Umiltà nella gioia

di padre Marcellino IasenzaNiro, “Padre Pio. Profilo di un santo”, pp. 305-306.

Considerando le reazioni di padre Pio di fronte agli attestati di stima ed alle lodi che riceveva, potrebbe egli apparire ai nostri occhi un santo uggioso, triste e scontroso. Era solo la scorza, però, quella che di solito egli manifestava di se stesso. In realtà il Padre era un uomo del tutto solare e sereno: egli realizzava la sua perfezione – che necessariamente presentava le sue sofferenze e difficoltà – nella fede e nella speranza che riponeva nel suo Dio. Ed amando Lui solo. Non poteva quindi non essere in ogni momento nella gioia. […].

P. Pio con alcuni confratelli.

A volte sul cammino di perfezione, che richiedeva sempre attenzione massima, era lo Spirito ad alleggerire i passi a padre Pio.

Padre Antonio Durante da Monterosso, cappuccino della provincia religiosa di Genova, vero figlio di san Francesco, austero e buono, intransigente e affabile, era missionario in Argentina, dove poi finirà i suoi giorni. In occasione di un rientro in patria, ottenne dai superiori di poter salire a San Giovanni Rotondo e trattenersi un po’. Un giorno passeggiava sul piazzale del convento con il Santo, che era oggetto di deferente affetto e devozione da parte della gente. Padre Antonio, pensava dentro di sé: «Come fa quest’uomo a resistere alla tentazione di vanagloria e di compiacenza?». Padre Pio – che sappiamo leggeva nei cuori – si girò verso di lui tutto sorridente e disse: «Vedi quanta gloria di Dio!».

Osserva padre Pellegrino Funicelli: «Padre Pio non mancava di fare dell’umorismo sul contrasto delle proprie convinzioni con quelle dei fedeli: “Ma guarda un po’ – mi diceva una volta – ‘sti fanatici, si ostinano a credere infallibile ed impeccabile uno che non capisce niente. Voglio vedere se sei capace a trovare una situazione più buffa di questa”».

Ed a volte, nel sentirsi lodato o ringraziato, ci giocava sopra, per non esporre i suoi sentimenti più intimi. Così una volta con Cleonice Morcaldi, che vedendolo stanchissimo, disse: «Padre per forza soffrite. Vi siete messo addosso tutto il mondo!». E padre Pio: «E già, ci voleva uno scemo!». In tal modo, celiando, si toglieva l’aureola dell’eroe o della vittima.

(fonte: settimanaleppio.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...