Pio XII, il papa che Padre Pio vide in Paradiso

Tramite un comune amico, Padre Pio fece sapere a suor Pascalina di aver visto papa Pio XII in Paradiso subito dopo la morte.

San Giovanni Rotondo, 13 novembre 1958

Cara Madre Pascalina!

Ieri mattina ho ricevuto la Sua cara lettera del 9 novembre. Non so come fare a ringraziarla per avermi informato sulla meravigliosa morte del Santo Padre. Che Dio la ricompensi di cuore. Davvero “Pretiosa in conspectu Domini mors sanctorum eius” (Sal 116,15)!

Padre Pio da Pietrelcina

Stiamo facendo gli esercizi spirituali e non ho ancora informato nessuno, eccetto Padre Pio. Ieri mattina egli ha ancora confessato, come di consueto. Poi si è sentito male, ha avuto anche un po’ di febbre, ed è stato costretto a riposarsi. Ieri sera, verso le ore 18:45, sono andato nella sua stanza. Non conosco il motivo, ma mi riceve sempre con una particolare amabilità. Mi sono inginocchiato accanto al suo letto e ho baciato la sua mano: lui ha tenuto la mia baciandola. Poi ha preso la mia mano tra le sue mani, premendola al suo petto, mentre parlavo con lui. All’inizio ha sorriso un po’ dicendomi: “Sono buoni esercizi spirituali!”. Poi gli ho detto tutto ciò che Lei mi aveva comunicato: la pia morte del Santo Padre, il Magnificat, ecc. – e anche la convinzione Sua e di altri che Egli ora stia contemplando Dio. Padre Pio ha ascoltato tutto con grande commozione. Infine ho aggiunto ancora i Suoi saluti e la Sua richiesta di preghiera. Egli ha fatto un cenno benevolo, toccato anche dalle Sue parole: “È ancora una ferita aperta e che fa male”.

Poi la Sua domanda: “Cosa direbbe Padre Pio?”. Ho posto la domanda in questo modo: “Madre Pascalina domanda: che pensa Padre Pio?”. Con un volto quasi trasfigurato egli ha risposto: “È in Paradiso. Lo ho visto nella Santa Messa”. Non mi sono fidato delle mie orecchie e ho chiesto: “Lo ha visto in Paradiso?”. “Sì!”, mi ha risposto con un sorriso quasi celestiale.

Papa Pio XII

Cara Madre Pascalina, siamo tutti convinti che il Santo Padre è un santo. E queste parole di Padre Pio sono una conferma gioiosa e piena di consolazione, non è vero? Come sono lieto di poterLe comunicare tutto questo. Lo sguardo di Padre Pio nell’eternità sia balsamo e sollievo per il Suo cuore addolorato! Prima di congedarmi da Padre Pio – era l’ora del Rosario e della conferenza – lui ha chiesto a me (un tale Frataccio!) di benedirlo. Ci siamo quindi benedetti a vicenda. Manda la sua benedizione anche a Lei. Stamattina si è alzato più tardi e ha celebrato la Santa Messa senza confessare dopo. Ancora una cosa vorrei menzionare: il giorno della morte, Padre Pio ha sentito la notizia appena prima della sua Santa Messa. Poiché ogni padre celebra una Santa Messa per un Papa defunto, ha potuto subito dire la Messa per Lui. Forse già lì ha visto il Santo Padre nella sua gloria. Durante tutta la Messa Padre Pio ha pianto. “Vedete come egli lo amava!”.

Ancora una volta: che Dio La ricompensi!

Nel cuore di Gesù,

P. Dominicus, OFM Capp.


Questo è il documento che attesta la santità di Pio XII e la gloria a lui concessa già subito dopo la morte, che Padre Pio “vide” fin da allora e che la Chiesa gli sta riconoscendo solo ora.

Madre Pascalina Lehnert
Madre Pascalina Lehnert

È una lettera (1) scritta a Suor Pascalina (2), segretaria di Papa Pacelli, da Padre Domenico Meyer. È evidente che questa missiva è la risposta a un’altra che la Religiosa deve aver fatto pervenire, in qualche modo, al Cappuccino. Di questa prima lettera, però, non è stata ancora trovata traccia. Il suo contenuto è, comunque, facilmente deducibile.

Padre Domenico (Enrico Luigi Mayer) nacque a Belleville, Illinois (USA), il 22 luglio 1892. Il 6 novembre 1948 venne a San Giovanni Rotondo come corrispondente di lingua inglese e tornò definitivamente negli USA il 22 agosto 1961. […]. Chi lo ha conosciuto ricorda che Padre Domenico da Belleville non conosceva solo la sua lingua madre, ma anche il tedesco. È facile, quindi, immaginare che la sua presenza a San Giovanni Rotondo tornasse di grande utilità, sia per il servizio di Confessore con i pellegrini di lingua inglese e tedesca, che per rispondere alla copiosa corrispondenza dei devoti di quelle nazioni. Padre Pio era il suo Confessore e, al refettorio, mangiava sempre alla sua destra (3). Non solo. Poiché era l’unico che gli sedeva accanto, beneficiava sempre del piatto del santo Cappuccino, che notoriamente mangiava pochissimo e passava al vicino di mensa ogni pietanza, dopo qualche cucchiaiata o forchettata. Tuttavia sembra che il ruolo del Frate americano a San Giovanni Rotondo non fosse solo quello di aiuto nel rispondere alle lettere, ma anche quello di osservare e riferire al Ministro Generale. E spesso le segrete relazioni di Padre Domenico erano molto pesanti. Anche nei confronti di Padre Pio. Grazie a questo Frate, comunque, sono giunte fino a noi le parole pronunciate dal santo Cappuccino a proposito di Pio XII. […].

In realtà il contenuto del documento più che una novità rappresenta una conferma. Infatti Padre Agostino da San Marco in Lamis, uno dei direttori spirituali di Padre Pio, il 18 novembre 1958, riferendosi al discepolo, annotava nel suo Diario, pubblicato nel 1971: «Ha sentito tutto il dolore della sua anima per la morte del Papa Pio XII. Ma poi il Signore glielo ha fatto vedere nella gloria del Paradiso» (4).

Un’altra autorevole testimonianza era stata raccolta da Gherardo Leone e pubblicata nel 2003 sulla rivista La Casa Sollievo della Sofferenza. Il 26 maggio del 2002, Elena Pacelli Rossignani, figlia della sorella minore del Pontefice, Elisabetta Pacelli coniugata Rossignani, ha rivelato a Suor Margherita Marchione, biografa di Pio XII, che durante una delle sue visite a San Giovanni Rotondo «Padre Pio aveva confidato a lei e alla madre di essere stato destato verso le due e trenta della notte del 9 ottobre da un ticchettio, prodotto sui vetri della finestra da un uccellino bianco, cui aveva fatto seguito la chiara visione della morte di Pio XII e della sua salita al Cielo. Padre Pio aveva confidato inoltre di essere rimasto turbato e commosso da questa visione e di aver subito convocato i confratelli in cappella per una preghiera comune» (5).

Ma non si può disconoscere alla lettera di Padre Domenico a Suor Pascalina e ha chi l’ha rinvenuta anche un altro merito: aver riportato in luce un antico legame fra due grandi “santi”, fatto di venerazione reciproca.

Pio XII è stato certamente il Papa che più di ogni altro ha assunto «nella vita di Padre Pio una rilevanza straordinaria», poiché «amò e protesse il Cappuccino vivente sulle falde garganiche» ed «ebbe ed ha il grande pregio verso l’umanità di avere compreso lo spirito di Padre Pio, promosso le realizzazioni delle sue opere; verso il Signore, di aver protetto il suo servo prediletto e fedele» (6).

(Stefano Campanella, Il Papa che Padre Pio “vide” in Paradiso, in Studi su Padre Pio, vol. 3/2007)


Note

1) Copia della missiva, scritta in tedesco e firmata a mano in calce è conservata a Roma, presso il Collegium Paulinum.

2) Suor Pascalina, al secolo Josephine Lehnert, nacque a Ebersberg, nei pressi di Monaco di Baviera, il 29 agosto 1894. A 23 anni entrò tra le Suore Insegnanti della Santa Croce. Pochi mesi dopo, nel 1918, venne chiamata a prestare servizio alla Nunziatura di Monaco all’arrivo del nunzio Eugenio Pacelli. Un servizio che continuò quando il Nunzio fu spostato a Berlino e poi a Roma quando il cardinale Pacelli fu nominato Segretario di Stato e anche dopo la sua elezione al Soglio Pontificio, che terminò solo dopo la morte di Pio XII. Suor Pascalina è morta a Vienna nel 1983.

3) Nel refettorio antico del convento di San Giovanni Rotondo, è esposta la fotografia in cui si vede, appunto, Padre Domenico che prende posto accanto a lui.

4) Agostino da San Marco in Lamis, Diario, San Giovanni Rotondo 2003, Ed. Padre Pio da Pietrelcina, p. 222.

5) Gherardo Leone, Padre Pio e Pio XII: un feeling durato vent’anni che ha consentito il sollievo della sofferenza e i gruppi di preghiera, in La Casa, 19 (2003), p. 12.

6) Felice Spaccucci, I cinque Papi di Padre Pio, Napoli, Laurenziana, pp. 57-58.

(fonte: settimanaleppio.it)


Carissimi devoti di Padre Pio,

vi ricordiamo la nostra raccolta fondi per aiutare una famiglia in grave difficoltà economica (cliccare qui). Grazie a tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...