Padre Pio “umile infermiere”

di Padre Costantino Capobianco, “Detti e aneddoti di Padre Pio”, pp. 81-82.

Mio fratello, Geremia Capobianco, era stato operato, a Benevento, di ernia con complicazione, ma io non sapevo niente. A San Giovanni Rotondo m’incontrai con il compianto sig. Mario De Mattini, e questi, pensando che io fossi al corrente dell’intervento subìto da mio fratello, mi disse: «L’operazione a Geremia è riuscita bene».

Partito il signor De Mattini, informai del fatto il Rev.do Padre Agostino da San Marco in Lamis, che era Superiore a San Giovanni Rotondo, ed egli, sorridendo, mi rispose: «Sfido io: c’è stato “il nostro Medico” (alludendo chiaramente a Padre Pio). Mi ha scritto Tonino e mi ha informato minutamente, incaricandomi anche di ringraziare “Piuccio”».

glosojcapio_ (26)Volevo ringraziare Padre Pio, il quale, ignorando quello che ho detto prima, mi aveva confidato, per farmi stare tranquillo: «Tuo fratello Geremia si è operato; ma è andato tutto bene. Stai tranquillo». Ma, per quanto mi proponessi di non emozionarmi, quando ero presso la stanza di Padre Pio, mi accorgevo che non ci sarei riuscito. Così per due volte. Poi m’imposi a me stesso, mi presentai al caro Padre e gli dissi: «Padre, io debbo ringraziarla perché ha assistito mio fratello durante l’operazione», ma Padre Pio abbassò gli occhi. Tornai una seconda volta, ripetei il ringraziamento e il Padre nuovamente abbassò gli occhi come la prima volta. Era fin troppo chiaro che non voleva dirmi “claris et apertis verbis”: “Sì, l’ho assistito io”. Ma com’era andata la faccenda?

Poco tempo dopo, recatomi a casa, mio nipote Tonino (che dimorava e dimora tuttora nella mia casa paterna) m’informò che mio fratello Geremia, dopo l’operazione, improvvisamente, ad occhi aperti e scandendo bene le parole, gridò: «Vedete Padre Pio! Vedete Padre Pio!». Un brivido corse in tutti i presenti e maggiormente in Tonino che gli stava accanto per assisterlo, per cui con sgomento gli chiese: «Padrino, ma siete sveglio, o è l’anestetico che vi fa delirare?». Ma mio fratello ribatté con forza: «Ma che anestetico! Sono sveglio! Eccolo là Padre Pio! Sta per uscire. Fermatelo!». Lascio da parte l’accorrere dei malati, degl’infermieri e dei medici, che volevano accertarsi del caso eccezionale.

La relazione di Tonino tuttavia non mi bastò; per cui chiesi a mio fratello, il quale mi confermò tutto. Ricordava ogni cosa con chiarezza e precisione. Comunque, volevo essere sicuro su un particolare, ed insistetti con mio fratello: «Ma tu avevi invocato Padre Pio prima dell’operazione?», gli domandai e lui mi rispose: «Sì. Mentre attendevo che mi conducessero nella sala operatoria, dissi mentalmente: “Padre Pio, prega Dio per me!”».

Un’invocazione meravigliosa nella sua semplicità, alla quale corrispose con meravigliosa assistenza ed apparizione Padre Pio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...